l'eleganza de

la scienza dietro la semplicità

 

Le nostre scelte sono frutto di esperienza e studio.

 


consigliati


articoli scientifici

perchè nucleoplastica con coblazione?

Gli studi clinici mostrano un successo quasi del 80% dei casi trattati, qundo l'ernia del disco è ancora contenuta (non espulsa). (1)(2)(3)

Tra le soluzioni mini-invasive, la nucleoplastica ha il vantaggio della più rapida guarigione, offre un precoce ritorno al lavoro, minor trauma chirurgico, minor dolore chirurgico e minori complicaze. (4)

Rispetto alle altre tecniche la nucleoplastica asporta un minore volume di nucleo. Questo fatto ha un'enorme importanza nel limitare la degenerazione futura del disco (5)(6). La minima riduzione del disco provoca una grade riduzione delle pressioni al suo interno e la guariggione dal dolore. (7)

La microdiscectomia tradizionale provoca un'incisione sulla parte esterna fibrosa del disco e questo può indebolirlo o ridurre la sua stabilità futura, portanto a recidive delle ernie e necessità di reintervento (4). Questo non succede nella nucleoplastica, che preserva l'integrità dell'anello fibroso.

Uno dei vantaggi più importanti della nucleoplastica è la sua sicurezza. La procedura è eseguita con la semplice anestesia locale.

Ultima ma altretanto importante caratteristica di questa tecnica è l'assenza di cicatrici. La discectomia (anche la microdiscectomia) provoca spesso cicatrici che si estendono dalla parte esterna del disco alle radici dei nervi vertebrali, provocando dolori cronici anche gravi, la cosidetta Failed Back Syndrome. (8)

Si crede oggi che la nucleoplastica abbia degli effetti curativi diretti sul dolore derivante dal disco, non solo riducendo la pressione intradiscale. Il calore che produce abolisce le terminazioni nervose che crescono all'interno del disco malatto. (9)

La più frequente complicanza della nucleoplastica è il dolore sul punto di inserimento dell'ago e un nuovo dolore/formicolio alla gamba. Anche se preoccupanti, questi eventi limitatano la normale vita dei pazienti e regrediscono completamente nel arco di due settimane (10).

 

Riferimenti bibliografici

(1) Sharps LS, Isaac Z (2002) Percutaneous disc decompression using nucleoplasty. Pain Physician 5:121–126

(2) Singh V, Piryani C, Liao K, Nieschulz S (2002) Percutaneous disc decompression using coblation in the treatment of chronic discogenic pain. Pain Physician 5:250–259

(3) Masala S, Massari F, Fabiano S et al (2007) Nucleoplasty in the treatment of lumbar diskogenic back pain: one year follow-up. Cardiovasc Intervent Radiol 30:426–432

(4) The efficacy of coblation nucleoplasty for protrusion of lumbar intervertebral disc at a two-year follow-up

Hui Zhu & Xiao-Zhong Zhou & Mao-Hua Cheng & Yi-Xin Shen & Qi-Rong Dong

International Orthopaedics (SICOT) (2011) 35:1677–1682

(5) Al-Zain F, Lemcke J, Killeen T, Meier U, Eisenschenk A (2008) Minimally invasive spinal surgery using nucleoplasty: a 1 year follow-up study. Acta Neurochir 150:1257–1262

(6) Castro WH, Halm H, Rondhuis J (1992) The influence of automated percutaneous lumbar discectomy (APLD) on the biomechanics of the lumbar intervertebral disc. An experimental study. Acta Orthop Belg 58(4):400–405

  1. (7) Choy DSJ, Ascher PW, Saddekni S et al (1992) Percutaneous laser disc decompression: a new therapeutic modality. Spine 17:949–956

  1. (8) Anderson PA, Rouleau JP (2004) Intervertebral disc arthroplasty.

    Spine 29:2779–2786

(9) Al-Zain F, Lemcke J, Killeen T, Meier U, Eisenschenk A (2008) Minimally invasive spinal surgery using nucleoplasty: a 1 year follow-up study. Acta Neurochir 150:1257–1262

(10) Bhagia SM, Slipman CW, Nirschl M et al (2006) Side effects and complications after percutaneous disc decompres- sion using coblation technology. Am J Phys Med Rehabil 85:6–13

 

perchè anuloplastica?

L'anuloplastica tratta l'anulus discale, la porzione esterna del disco intervertebrale che quando malata porta al mal di schiena cronico. E' una procedura analoga alla nucleoplastica che si esegue quando esiste la lombalgia (mal di schiena) che deriva da malattia del disco intervertebrale, senza la presenza di sciatica.

A diefrenza della nucleoplastica non porta a riduzione del disco.

 

Riferimenti bibliografici

Singh V, Piryani C, Liao K (2004) Role of percutaneous disc decompression using coblation in managing chronic discogenic low back pain: a prospective, observational study. Pain Physician 7(4):419–425

 

perchè la peridurolisi?

La tecnica è stata ideata per "distruggere" le aderenze che spesso provocano dolori dopo interventi per ernia del disco (laminectomia, discectomia, microdiscectomia). Oggi le indicazioni della peridurolisi si sono estese in tutti i casi in cui si forma importante "fibrosi" nel canale vertebrale, come in molti casi di infiammazione e dolore cronico della colonna vertebrale. La sua efficacia è stata documentata in studi importanti anche nella "sindrome del canale stretto" (1,2). In quest'ultimo caso, pur rimanendo l'intervento di decompressione vertebrale la scelta curativa, l'alternativa della peridurolisi viene spesso preferita per la sua sicurezza, le sue rare controindicazioni e la sua ripetibilità.

 

Riferimenti bibliografici

(1) "A review of the role of epidural percutaneous adhesiolysis" Standiford Helm - Pain Management
November 2012, Vol. 2, No. 6, Pages 609-616 , DOI 10.2217/pmt.12.65

(2) "Assessment of Effectiveness of Percutaneous Adhe- siolysis in Managing Chronic Low Back Pain Secondary to Lumbar Central Spinal Canal Stenosis" Laxmaiah Manchikanti1,2, Kimberly A. Cash1, Carla D. McManus1, Vidyasagar Pampati1

International Journal of Medical Sciences 2013; 10(1):50-59. doi: 10.7150/ijms.5303